L’ora delle Streghe: il Pianto dei Neonati

Oggi parliamo di qualcosa che la maggior parte di noi genitori ha vissuto.

È brutale. È intenso e a volte ci fa desiderare di afferrare tappi per le orecchie ed estraniarci da tutto!

Stiamo parlando dell’ora delle streghe ovvero quando, nel tardo pomeriggio / prima serata, i neonati improvvisamente iniziano a piangere senza una ragione apparente e NON SI FERMANO!

Durante l’ora delle streghe, a volte nulla sembra calmare il neonato.

Le poppate sono infruttuose. I ciucci sono inutili. Le ninne nanne non servono. 

Spesso, è un pianto che può essere straziante.

Questi momenti sono difficili da affrontare per i genitori e disturbano il sonno del neonato. Un bambino che piange di solito non si accontenta di un pisolino, e un bambino che ha passato le ultime 4 o 5 ore a piangere ha meno probabilità di dormire tutta la notte.

Perché i neonati piangono così?

Potrebbe trattarsi di una colica?

Molti genitori attribuiscono questo comportamento neonatale alla colica. 

La colica del bambino si riferisce a qualsiasi pianto prolungato, molto intenso (più intenso del pianto "standard") che sembra non avere una vera causa. E questi episodi di coliche iniziano quasi sempre nel tardo pomeriggio o in prima serata.

Si stima che circa il 20% dei bambini sperimenti una vera colica.  La teoria è che il gas e l'indigestione causino dolore addominale e questo determini il pianto inconsolabile.

E se non fosse una colica?

E se fosse semplicemente normale agitarsi? 

Ci sono alcune altre possibili cause del malessere del tuo piccolo ...

  -  La stanchezza: nel tempo, se il tuo bambino non riposa bene il suo debito di sonno aumenta. E alla fine arriva a un punto in cui è così esausto e stanco che piange o si agita senza sosta.

-  La sovrastimolazione: il giorno è molto più stimolante della notte. C'è luce, rumore e molta attività. E anche se tuo figlio appena nato non partecipa esattamente a tutte le attività, sicuramente le percepisce e questo può farlo stancare e innervosire

 - La necessità di "accumulare" il latte : gli esperti hanno notato che alcuni bambini tendono a "fare poppate a grappolo" la sera. In altre parole mangiano più di frequente, anche ogni ora, e poi piangono di più entro 30 o 40 minuti successivi alla poppata. Gli esperti teorizzano che i bambini potrebbero aver bisogno di fare così per dormire per più lunghi tratti durante la notte. 

  - Ottenere più attenzione: se pensi a quello che succede a casa nel tardo pomeriggio e in prima serata, cosa ti viene in mente? Hai figli più grandi che tornano a casa da scuola? Il tuo partner sta tornando a casa dal lavoro? Sei in cucina, stai cucinando? Sei così occupata che potresti non prestare la giusta attenzione al tuo bambino: non puoi tenerlo con entrambe le mani e tritare le verdure! 

Anche i bambini possono sentirsi soli!

Noi abbiamo adottato una strategia per “prevenire” la famosa “ora delle streghe”. 

Mettiamo in fascia il bimbo verso il tardo pomeriggio in modo che si senta cullato e rilassato. 

 

Funziona, l’importante però è anticipare il momento, proprio per non doverlo calmare a lungo tempo una volta iniziato il pianto inconsolabile.

Per qualsiasi informazione sul portare in fascia, non esitare a contattarci! Scrivici in WhatsApp, saremo felici di poterti consigliare al meglio -)

Lo Staff di WearMe